Poliambulatorio Giano
Notizie
Ruolo dell'Ecografia nella Patologia di Spalla
Thursday, January 01, 1970
Ruolo dell'Ecografia nella Patologia di Spalla

L’articolazione della spalla per la sua intrinseca e straordinaria capacità di movimenti è soggetta più di altre articolazioni ad una serie di piccoli e grandi malfunzionamenti.

L’ecografia rappresenta oggi lo strumento diagnostico per” antonomasia” nello studio della patologia di spalla grazie all’assenza di invasività, elevata “performance” diagnostica, studio dinamico “real time” e costi relativamente ridotti.

Il Medico Radiologo-Ecografista, coadiuvato dalle macchine di ultima generazione è in grado di fornire immagini molto dettagliate di muscoli e tendini e rappresenta lo spartiacque naturale tra Fisioterapista-Fisiatra e Ortopedico.

Nella stragrande maggioranza di casi che giungono all’osservazione dell’ecografista (oltre l’80%) la patologia di spalla è rappresentata dalla cosiddetta sindrome da conflitto tra i tendini della spalla ed  un osso soprastante chiamato acromion (volgarmente  detta periartrite o spalla dolorosa): tendinite-tendinosi, borsite che non necessitano di trattamenti invasivi ma sono curati da Fisioterapista-Fisiatra.

In tali casi la clinica è dominata da sensazione di arto superiore pesante con impossibilità all’elevazione-abduzione, dolore specie notturno ed a riposo, impotenza funzionale in alcuni movimenti specific come portare il braccio dietro la schiena o pettinarsi i capelli dietro la nuca.

Ruolo fondametale dell’ecografista è quello di verificare nella’ambito di una patologia da conflitto le lesioni parziali o complete dei tendini della spalla con particolare riguardo al tendine del sopraspinato.

Nelle lesioni complete tendinee , specie in soggetti giovani, l’indicazione è chirurgica, quindi il paziente dovrà sottoporsi a visita specialistica ortopedica per valutare le indicazioni all’intervento.

Solo in questi casi l’esame ecografico sarà integrato da Risonanza Magnetica nel “planning” preoperatorio per meglio visualizzare  il grado di retrazione  tendinea ed il grado di degenerazione del muscolo il cui tendine è rotto.

Nella patologia da conflitto l’esame ecografico deve essere sempre complementare ad un esame radiografico di spalla in tre proiezioni per escludere altre cause di spalla dolorosa e per una migliore valutazione spaziale del cingolo scapolo-omerale.

Pertanto ecografia e radiografia di spalla nella stragrande maggioranza di casi sono esaustive e con esse si conclude l’iter diagnostico della spalla dolorosa. L’ecografista esperto affida alla Risonanza Magnetica un ruolo marginale nella diagnostica della spalla dolorosa da conflitto per l’impossibilitài di eseguire “in diretta” le scansioni dinamiche essenziali per quantificare i conflitti tendinei.

La RM rimane quindi la seconda istanza diagnostica solo nei casi dubbi.

Causa meno frequente di spalla dolorosa risulta essere, specie nei pazienti giovani, la patologia da instabilità (sublussazioni/lussazioni recidivanti): in questi casi l’ecografia non è indicata ed il gold standard diagnostico è la Risonanza Magnetica con mezzo di contrasto intra-articolare (Artro-RM).

Oltre alla diagnostica l’ecografia gioca un ruolo nella terapia delle patologie da conflitto di spalla resistenti a terapia fisica e farmacologica: la possibilità di guidare la punta di un ago e rilasciare un farmaco nella sede specifica di patologia potenzia l’efficacia della terapia (infiltrazione eco guidata); nelle tendiniti calcifiche l’ecografia può guidare i due aghi nel lavaggio delle calcificazioni (litoclasia di spalla).

Poliambulatorio Giano

Poliambulatorio Giano - Via Ancona, 290 - 47522 Cesena (FC)
Tel. 0547.334999 digitare 2
Cell. Rep. e Urg. 393.9021487
(8-20 lun-sab)
Tel. podologia 0547.334925
info@poliambulatoriogiano.it